In che modo una batteria CMOS scarica può rendere INGIOCABILE la tua PlayStation 3

Che Film Vedere?
 

I giocatori sono da tempo preoccupati per l'inevitabilità della perdita dei loro acquisti digitali, e questo sta diventando un passo più vicino alla realtà questa estate . Sony sarà chiudere presto gli store PS3, PSP e PSVita e mentre i giochi saranno ancora disponibili per il download, non sarà più possibile effettuare nuovi acquisti.



Tuttavia, la situazione potrebbe diventare più disastrosa di quanto si creda. Un recente video di YouTube ha evidenziato che PlayStation 3 e PlayStation 4 potrebbero essere vittime di problemi di CMOS Drain. Il risultato finale? Potresti non essere in grado di giocare a nessuno dei tuoi giochi digitali... o a quelli fisici.



Iniziamo con lo spiegare qui le componenti essenziali del problema. Il CMOS, o semiconduttore di ossido di metallo complementare, è il tipo di circuito utilizzato per alloggiare una batteria su una scheda madre. Sono piuttosto comuni; ogni computer che tu abbia mai avuto ne usa uno. Sono utilizzati per fornire una fonte di alimentazione indipendente per memorizzare le impostazioni per la scheda, come la data, l'ora e le informazioni di configurazione di base. In questo modo, anche se la scheda viene completamente rimossa dall'alimentazione, il sistema ricorderà comunque le opzioni di configurazione.

CMOS Drain sembra terrificante, ma onestamente è solo il CMOS che funziona come previsto. Le batterie si scaricano e nel tempo la batteria CMOS morirà. Per il tuo computer, questo non è un problema: tu (o un tecnico di riparazione) sostituisci la batteria economica. Potrebbe essere necessario ripristinare alcune impostazioni o connettersi a Internet per reimpostare la data e l'ora, ma non è un problema per la maggior parte dei dispositivi.

Tuttavia, CMOS Drain è stato devastante per i giocatori. Questo è diventato un problema noto quando l'era NES La leggenda di Zelda le cartucce esplodevano sul mercato dell'usato. Quelle cartucce utilizzavano un sistema di salvataggio all'epoca rivoluzionario che utilizzava una forma di RAM alimentata a batteria per preservare i dati. Tuttavia, nel tempo, quelle batterie hanno iniziato a esaurirsi, causando la perdita dei dati di salvataggio. È possibile ripristinare la funzionalità aprendo il Game Pak e sostituendo la batteria, ma i dati salvati sono andati persi.



CORRELATO: Come PS Plus ha aiutato i giocatori a superare il blocco

È lo stesso problema fondamentale per PlayStation 3 e PlayStation 4, ma un po' più grave. Il CMOS su quei dispositivi memorizza la data e l'ora, ma lo fa come una forma di DRM. Controlla le informazioni di data e ora salvate rispetto alle informazioni di PSN prima di avviare qualsiasi gioco. Se il CMOS è morto, il sistema può ancora riprodurre i giochi purché sia ​​in grado di connettersi al PSN. Allo stesso modo, se PSN non è attivo, il sistema può avviare la maggior parte dei giochi se i dati CMOS memorizzati corrispondono a quelli dell'ultima volta che la console ha controllato PSN. Questo non vale solo per i giochi digitali: anche i giochi fisici richiedono questo controllo.

Qui sta il problema. Il PSN di Sony, inevitabilmente, un giorno si spegnerà su queste console e la chiusura dei rispettivi negozi PlayStation è il primo passo verso quel futuro. Poiché Sony ha trascurato di concentrarsi sulla retrocompatibilità per le proprie console, molti di questi giochi alla fine non saranno riproducibili. Anche questa non è un'idea nuova; alcuni appassionati lo avvertono da anni poiché i contenuti digitali sono diventati più comuni.



Una delle voci più importanti per la causa è YouTuber Hikikomori Media, che recentemente pubblicato un video dove ha testato varie console PlayStation installando un CMOS morto e quindi provando ad avviarsi mentre non era connesso a PSN. Il risultato era lo stesso ogni volta: il gioco non si giocava. Hikiko ha sottolineato che non mirava a spaventare gli utenti ma a educare e sensibilizzare. Quando gli è stato chiesto perché non l'ha portato all'attenzione di Sony, ha sottolineato di averlo fatto, attraverso ogni piattaforma disponibile per l'utente, ma Sony ha finora ignorato le sue preoccupazioni.

CORRELATO: PlayStation Now: tutto in arrivo ad aprile 2021

L'incapacità di Sony di concentrarsi o implementare in modo significativo la retrocompatibilità è stata a lungo un punto critico anche per i fan più sfegatati di PlayStation. Mentre la PS3 inizialmente offriva la possibilità di riprodurre dischi PS1 tramite emulazione software e dischi PS2 tramite emulazione hardware, il componente PS2 è stato presto rimosso per ridurre i costi e la PS4 mancava di qualsiasi forma di retrocompatibilità ufficiale.

La PlayStation 5 è un passo nella giusta direzione, grazie alla compatibilità con PS4, ma non supporta ancora i giochi per PlayStation da 1 a 3, e questo non entra nemmeno nelle librerie PSP e PSVita in gran parte ignorate. Tra l'inevitabilità di guasti hardware e chiusure di rete, una serie di titoli classici potrebbe presto essere ingiocabile sull'hardware originale, dall'età d'oro dei JRPG PS1 ai classici moderni come la versione originale di Le anime dei demoni . Sony potrebbe ancora offrire retrocompatibilità tramite emulazione, ma questo riporta al problema in questione: la PS5 alla fine subirà lo stesso arresto del CMOS Drain?

Quindi cosa possono fare gli utenti? Per ora niente panico. I giochi sono ancora giocabili oggi ed è improbabile che scompaiano per sempre presto. La palla è interamente nelle mani di Sony e, come sottolinea Hikiko, potrebbe essere semplice come una patch che rimuove il controllo CMOS da PS3. La cosa migliore da fare ora è divertirsi i giochi che hai finché puoi e spero che il successo dell'attenzione sulla compatibilità con le versioni precedenti di Xbox prenda piede.

CONTINUA A LEGGERE: Uno Speedrunner ha battuto Dragon Quest III in meno di 6 minuti con una nuova tecnica SELVAGGIA



Scelta Del Redattore


Tecate

Aliquote


Tecate

Tecate a Pale Lager - Birra americana di FEMSA - Cuauhtémoc-Moctezuma (Heineken), un birrificio a Monterrey / Orizaba,

Per Saperne Di Più
Reylos di Star Wars aveva ragione: anche Rian Johnson vedeva Rey e Kylo come una storia d'amore

Film


Reylos di Star Wars aveva ragione: anche Rian Johnson vedeva Rey e Kylo come una storia d'amore

Il regista di Star Wars: Gli ultimi Jedi, Rian Johnson, convalida la storia d'amore tra Rey Skywalker e Kylo Ren, con grande soddisfazione dei fan di Reylo.

Per Saperne Di Più