Recensione | Brutale e bellissimo, 'The Raid 2' è un capolavoro d'azione

Con un po' di fortuna, Il raid 2: teppista farà per la coreografia d'azione cosa? La supremazia di Bourne ha fatto per la cinematografia d'azione: non solo radere al suolo le convenzioni esistenti, ma reinventarle così a fondo che altri registi non avranno altra scelta che seguire le orme del regista Gareth Evans.

Un'opera travolgente e shakespeariana che espande e approfondisce ciò che lo scrittore-regista ha realizzato in Il Raid: Redenzione , il sequel annuncia Evans come uno dei più importanti registi d'azione al mondo, combinando il nucleo fitto e meticolosamente costruito della sua storia con un vasto balletto di violenza che risuona con un significato emotivo anche se fornisce brividi irresistibili e viscerali.



L'infaticabile Iko Uwais ( Il Raid: Redenzione ) ritorna nei panni di Rama, l'unico poliziotto buono la cui sopravvivenza agli eventi del primo film ha tristemente messo a repentaglio la sua sicurezza nelle forze di polizia e messo in pericolo la sua famiglia. Offerto un accordo poco invidiabile in cambio della protezione di sua moglie e suo figlio, Rama va sotto copertura in prigione per guadagnarsi la lealtà di Uco (Arifin Putra), il figlio di un boss del crimine di nome Bangun (Tio Pakusodewo) nella cui organizzazione deve infiltrarsi. Ma quando Uco negozia un accordo con l'ambizioso parvenu Bejo (Alex Abbad) per costringere suo padre a lanciare una guerra per il territorio con il suo Goto (Kenichi Endo), Rama è costretto a destreggiarsi tra le richieste criminali dei suoi falsi capi mentre fornisce informazioni ai suoi veri .

A due ore e 30 minuti, Il raid 2 è quasi un'ora in più rispetto al suo predecessore, eppure scorre quasi senza sforzo, grazie all'abile trama di Evans. Per quanto pesanti possano sembrare i primi 10 minuti, hanno letteralmente allestito l'intero film: da dove viene Rama, con chi ha a che fare, qual è il suo compito e perché non può rifiutarlo. È una mossa rischiosa ma scaltra, perché il film non richiede ulteriori spiegazioni per essere compreso: ogni nuovo sviluppo si svolge come diretta conseguenza di quello precedente, e ogni scena d'azione serve sia il meccanismo della trama che intensifica l'intensità del viaggio di Rama. E sorprendentemente, il risultato è un film che vanta sequenze di combattimento incredibili ed elaborate quasi dall'inizio alla fine e nessuna di esse sembra superflua o autoindulgente.

Se L'incursione era un indonesiano Il duro , teppista é suo Affari infernali / La partenza , il che dovrebbe darti un'idea della complessità (e delle basi emotive) della difficile situazione di Rama. La differenza tra il personaggio di Uwais e, ad esempio, quello di Leonardo DiCaprio, è che le sue attività sotto copertura esorcizzano la sua rabbia personale - il suo appetito di vendetta - piuttosto che semplicemente torturarlo, sebbene lo facciano anche. Ma l'attore gestisce il dramma con la stessa efficacia con cui fa la coreografia d'azione, e la nuvola che scende sulla visione inizialmente lucida della moralità di Rama diventa un potente sottotesto per battaglie in cui i suoi avversari possono o non possono essere effettivamente i suoi nemici.



Per quanto riguarda l'azione, ci sono pochi film negli ultimi dieci anni, incluso il suo predecessore, che mantengono un'energia come in Il raid 2 – uno che è sia balletto che viscerale. La maturità di Evans è apprezzata sin dal primo film, e con ogni set sembra avere una comprensione più comoda su come mettere in scena i combattimenti ritmicamente, spararli chiaramente e catturare la loro energia emotiva. Alcune sequenze, ovviamente, sono semplicemente mozzafiato e avvincenti, ma altre sono tragiche, commoventi, persino catartiche. C'è un incredibile livello di competenza che dimostra - a volte usando tagli rapidi e altri creando riprese lunghe - che legittima l'abilità di Uwais come combattente e coreografo anche se rafforza la sua stessa autorità come narratore.

Con un'altra puntata ancora in arrivo nel Incursione serie, si può solo immaginare cosa Evans abbia cucinato per il pubblico, poiché questo film sembra progettato per colpirli senza senso, nel miglior modo possibile. Ma alla fine è questo il bello del suo cinema, e Il raid 2 in particolare: dove il primo film sembrava un tributo grintoso e hardcore agli artisti marziali e ai film che lo hanno ispirato, questo sboccia in modo più completo, non solo sentendosi come una propria entità, ma offrendo molti brividi che sono significativamente più democratici.

Se vuoi semplicemente vedere una coreografia esperta eseguita abilmente - calci e pugni sporchi, scambiati con potenza e virtuosismo - il film offre. Se vuoi grandi personaggi e idee audaci, persone con abilità speciali, idiosincratiche e persino iconiche, sono integrati nella storia. E se vuoi un'avventura che abbia una vera risonanza drammatica e un'intimità personale, ha anche quello. Alla fine, non importa quanto violento, stravagante o devastante alla fine diventi, Il raid 2: teppista è un raro tipo di capolavoro d'azione, perché ti permette di scambiare i posti con il suo eroe emotivamente oltre che fisicamente - e come lui, ti senti malconcio ed esausto alla fine, e sei ancora pronto per altro.



The Raid 2: Ladri apre oggi in città selezionate.



Scelta Del Redattore


Scusa, Daredevil: la meravigliosa signora Maisel ha inchiodato il lungo termine

Tv


Scusa, Daredevil: la meravigliosa signora Maisel ha inchiodato il lungo termine

Mentre Daredevil di Netflix ha avuto alcune buone riprese singole, The Marvelous Mrs. Maisel ha perfezionato il mestiere.

Per Saperne Di Più
Mare of Easttown Episodio 7, 'Sacramento', riassunto e spoiler

Tv


Mare of Easttown Episodio 7, 'Sacramento', riassunto e spoiler

Mare of Easttown, che ha guadagnato un'enorme popolarità nei suoi primi sei episodi, risolve il suo crimine e risolve le sue emozioni nel suo finale.

Per Saperne Di Più