20 anni fa, Dragon Ball Z è venuto in America per restare

Che Film Vedere?
 

Questo mese segna il 20° anniversario del debutto di 'Dragon Ball Z' sulla televisione statunitense, e quest'anno è il 20° anniversario del suo episodio finale in onda in Giappone, poco dopo che il creatore Akira Toriyama ha portato alla fine del manga. Mentre 'Dragon Ball Z' continua a vivere in episodi in streaming, reboot e manga, la storia delle traduzioni in inglese del franchise riflette i cambiamenti nei gusti americani quando anime e manga sono passati da un'ossessione di nicchia a un pubblico più ampio - e i produttori statunitensi hanno smesso di provare per cambiare l'anime in qualcos'altro.



Iniziamo con un rapido aggiornamento sulla differenza tra 'Dragon Ball' e 'Dragon Ball Z'. L'intero manga era conosciuto in Giappone semplicemente come 'Dragon Ball', ma i produttori dell'anime hanno cambiato il titolo dopo l'adattamento del volume 16, perché il tono era cambiato: era passato da una commedia d'azione farsesca con un aspetto immaturo adolescente, Goku, a una storia leggermente più seria con protagonista un Goku adulto e suo figlio Gohan. Toriyama ha aggiunto la 'Z' perché era stanco della serie e sperava di finirla presto. Tuttavia, non è così che funziona l'industria dei manga.



Ai suoi tempi, 'Dragon Ball' era tra le serie più popolari in Giappone e ha contribuito a spingere la circolazione della rivista 'Shonen Jump' nella sana gamma di 6 milioni, quindi Toriyama ha continuato, spronato dai suoi editori e dai suoi lettori, fino al 1995. A quel punto ha finalmente portato a termine la serie. L'anime, basato sul manga, terminò l'anno successivo.

birra polacca tyskie

Quando il manga è arrivato negli Stati Uniti, le persone avevano più familiarità con l'anime 'Dragon Ball Z', quindi il licenziatario Viz Media lo ha trattato quasi come due serie diverse: la società ha pubblicato i primi 16 volumi (più alcuni capitoli del volume 17) come 'Dragon Ball' e il resto come 'Dragon Ball Z.' Nelle edizioni successive, Viz è tornato a 'Dragon Ball' per l'intera serie di 42 volumi.

Mentre Toriyama lavorava duramente, negli anni '80 e '90, gli anime stavano diventando sempre più popolari in Nord America. Uno dei primi anime, 'Speed ​​Racer', è arrivato alla televisione americana nel 1967, ma non è stato promosso come un cartone animato giapponese. Al contrario, lo spettacolo è stato doppiato, la storia riscritta e i personaggi rinominati, in modo che non sia rimasta traccia delle sue origini giapponesi.



I Syndicators iniziarono a rivolgersi sempre più all'animazione giapponese negli anni che seguirono, ma ci volle un po' prima che il materiale originale ricevesse rispetto. 'Robotech', lanciato nel 1985 sulla televisione americana, è stato mescolato insieme da tre diverse serie e non è stato affatto tradotto. Il produttore Harmony Gold ha riscritto la sceneggiatura per adattarla ai movimenti della bocca dei personaggi.

Harmony Gold è stato anche il primo licenziante a portare 'Dragon Ball' al pubblico di lingua inglese, anche se quasi tutte le tracce sono scomparse. Secondo un articolo del 2000 sulla rivista 'Animerica' ​​di Viz, Harmony Gold ha doppiato almeno cinque episodi di 'Dragon Ball' negli anni '80. I doppiaggi, trasmessi in alcuni mercati di prova, hanno cambiato i nomi dei personaggi: Goku è diventato 'Zero', Bulma era 'Lena' e Karin è stata trasformata in 'Whiskers the Wonder Cat'. La risposta è stata 'poco brillante', e Harmony Gold l'ha lasciata cadere e è andata avanti, lasciando dietro di sé solo voci su un 'dub perduto' e un singolo film 'Dragon Ball' realizzato saldando altri due film insieme. (Alcuni frammenti di audio dal film possono essere ascoltati su questo fan site di Dragon Ball Z .)

honker dell'isola dell'oca

Il tempo è passato e il fandom americano di anime e manga è cresciuto lentamente. 'Nonostante tutto il successo del Giappone come esportatore di automobili e videocamere, la sua musica, i suoi film, programmi televisivi e libri, con poche eccezioni, non si vendono bene all'estero', Lo scrittore del New York Times Andrew Pollock intonò nel 1995 – anche se ha notato che con il successo di 'Mighty Morphin Power Rangers' in TV e i recenti sfarfallii di interesse per il lavoro del talentuoso ma allora poco conosciuto regista Hayao Miyazaki, 'l'animazione giapponese sta iniziando a spazzare via il mondo, diventando il la prima grande esportazione di cultura pop della nazione.' In effetti, quella settimana era appena iniziato un nuovo programma televisivo, qualcosa chiamato 'Sailor Moon'.



Tuttavia, la scena anime americana stava appena iniziando ad emergere nel 1996. 'Era ancora molto di nicchia', ha detto l'editor di manga e studioso Jason Thompson, che ha curato parte del manga 'Dragon Ball'. 'Non c'era quasi niente in TV o nei negozi di video.' I club di anime delle scuole superiori e dei college si sono riuniti per guardare video, alcuni dei quali completamente non tradotti, altri con sottotitoli amatoriali (fansubs). I fan più facoltosi potrebbero essere in grado di guardare anime grezzi o sottotitolati su canali via cavo premium come Nippon Golden Network, che ha mandato in onda 'Dragonball' e 'Dragon Ball Z' nei primi anni '90.

birre chiare coors

Goku è diventato popolare per la prima volta nel 1995, quando il licenziatario americano Funimation ha offerto una versione doppiata e modificata per la diffusione in prima visione. L'hanno cancellato dopo 13 episodi, a causa degli ascolti bassi.

Funimation aveva anche concesso in licenza 'Dragon Ball Z', e il primo episodio è stato trasmesso sulla TV americana il 13 settembre 1996, sempre in syndication in prima visione. Come 'Dragon Ball', è stato pesantemente modificato: Funimation ha tagliato 'Dragon Ball Z' da 67 episodi originali a 53 per il consumo negli Stati Uniti. Questo spettacolo è andato meglio, tuttavia, ed è andato in onda per due stagioni prima di essere cancellato per vari motivi, inclusa la mancanza di interesse da parte dei sindacati.

'Non sono sorpreso che Dragon Ball non sia andato bene', ha detto Thompson. 'È difficile da vendere, perché combina un aspetto e una sensibilità molto da 'bambino' con lo sciatto umorismo adulto di Kame-Sen'nin , ecc., che ha dovuto essere censurato nelle edizioni statunitensi, lasciando alcune strane lacune nella storia. D'altra parte, 'Dragon Ball Z' è fondamentalmente una storia di supereroi adolescenziali con arti marziali e fantascienza, che erano tutte cose già popolari negli Stati Uniti, ma non combinate insieme in quel modo prima. Inoltre, 'Dragon Ball Z', come 'Sailor Moon' (e 'Robotech' del resto), aveva un formato a storia continua, che era abbastanza insolito nella televisione per bambini / YA negli Stati Uniti all'epoca. Ti rende più coinvolto nella storia quando c'è una trama in corso con cliffhangers e accumuli, a differenza della maggior parte degli spettacoli televisivi occidentali dell'epoca in cui ogni episodio di 30 minuti doveva essere scritto per stare in piedi da solo.'

Viz ha iniziato a pubblicare i manga 'Dragon Ball' e 'Dragon Ball Z' nel 1998, prima come singoli capitoli e poi, nel 2000, come edizioni collettive. Nello stesso anno, Cartoon Network ha iniziato a mostrare le repliche dell'anime 'Dragon Ball Z' come parte del suo blocco Toonami, dove la serie è stata accolta meglio. Funimation ha ripreso la produzione di nuovi episodi, questa volta con un nuovo cast di voci e meno censura, e la nuova versione è andata in onda dal 1999 al 2003 su Toonami, con repliche che continuano fino al 2008. Attualmente, sia 'Dragon Ball' che 'Dragon Ball Z' possono essere visto come anime in streaming su il sito di Funimation e su Hulu.

Thompson ritiene che 'Dragon Ball Z' abbia aperto nuove strade portando un pubblico più giovane ad anime e manga. 'Nei primi anni '90, anime e manga avevano questa sorta di sensazione di 'maschile adulto'', ci ha detto. 'I titoli più noti erano fantascienza hard come 'Ghost in the Shell' e 'Akira', o peggio, roba X-rated in stile 'Urotsukidoji'. Poi sono arrivati ​​'Sailor Moon' e 'Dragon Ball Z' e hanno introdotto i tropi di anime e manga - i design dei personaggi, le linee di velocità, le storie di cliffhanger - a un pubblico giovane e mainstream che era tanto più grande della vecchia nicchia degli anime. Quando la serie animata 'Pokémon' è arrivata alcuni anni dopo, non si poteva tornare indietro.'

E c'è di più. 'Nel caso di 'Dragon Ball Z' in particolare, ha spinto i limiti della violenza che potresti mostrare in una serie 'per bambini' e ha presentato questa fantasia di potere di supereroi molto viscerale e molto originale', ha detto Thompson. 'In primo luogo, c'è l'enfasi dei manga shonen sull'allenamento fisico e sull'auto-miglioramento - Goku deve lavoro per questo! – che non hai quasi mai visto nei fumetti di supereroi occidentali, dove semmai, l'eroe di solito vince grazie all'intelligenza piuttosto che al puro coraggio e sforzo. In secondo luogo, c'è tutta la faccenda dei 'nemici sconfitti che diventano bravi ragazzi', anch'essa nuova. In terzo luogo, i design dei personaggi sono muscolosi, ma sono molto cartooneschi, amichevoli e dall'aspetto giovane, una vera pausa dall'aspetto macho-man del 'realismo cesellato' di, ad esempio, 'Superman' o 'Fist of the North Star'. In quarto luogo, nessun fumetto occidentale di supereroi mi viene in mente che abbia mai mostrato personaggi che semplicemente indicavano le cose, o agitavano le mani verso le cose, e le facevano esplodere. È un modo fantastico molto attraente per i bambini di mettere in scena la loro aggressività, e nonostante tutta la morte nello show, ai genitori probabilmente è piaciuto di più che averli in giro sparando finte pistole, ecc.'

'Fondamentalmente', ha continuato, 'Dragon Ball Z' ha introdotto la sensibilità dei manga shonen negli Stati Uniti, nello stesso modo in cui 'Sailor Moon' ha introdotto i manga shojo. Anche se ovviamente non hanno superato i supereroi in popolarità, entrambi hanno giocato un ruolo importante nella creazione di una generazione di fan di fumetti/manga più giovani e nel dissipare la cosa 'i fumetti sono per adulti seri e spigolosi' che si erano sviluppati a metà degli anni '90. Perché anche se un fan di 'Dragon Ball Z' insiste su quanto sia serio, spigoloso e drammatico 'Dragon Ball Z' (e è drammatico!), guardi quei disegni dei personaggi e non puoi fare a meno di sorridere.'

chi è il flash più veloce o il flash inverso?


Scelta Del Redattore


Dov'è la rappresentazione autistica di Anime?

Notizie Sugli Anime


Dov'è la rappresentazione autistica di Anime?

Il disturbo dello spettro autistico non ha molta rappresentazione canonica negli anime, ma molti personaggi mostrano tratti autistici notevoli.

Per Saperne Di Più
The Big Bang Theory: Amy una volta ha cercato di entrare in QUESTO fumetto DC

Tv


The Big Bang Theory: Amy una volta ha cercato di entrare in QUESTO fumetto DC

Nella stagione 11 di The Big Bang Theory, nel tentativo di avvicinarsi a Sheldon, Amy Farrah Fowler ha tentato di diventare una fan DC.

Per Saperne Di Più