Mostro: 10 inquietanti citazioni di Johan

Che Film Vedere?
 

Mostro è stato l'anime suspense/thriller che ha preso d'assalto la comunità durante la metà degli anni 2000. Si concentra su un conflittuale Dr. Tenma che scopre che un giovane ragazzo che una volta aveva salvato anni fa è ora diventato un cospiratore, un assassino di massa. Tenma ora caccia per le strade d'Europa, cercando il ragazzo e un mezzo per trovare pace o conforto nelle sue azioni.



In un mondo in cui alcuni dei migliori thriller in anime sono pezzi dal ritmo veloce, soprannaturali o horror, come Death Note o Un altro , è rinfrescante trovare una serie così contenta degli orrori lenti ma sempre troppo intimi della sola forma umana. E quale modo migliore per esplorare quell'orrore esistenziale se non con il cattivo principale della serie, il giovane ragazzo del rimpianto sempre vivo di Tenma: Johan Liebert? Prodotto genetico ed erede nutrito del regime fascista, Johan conduce attraverso la serie una campagna di distruzione nel tentativo di lasciarlo l'ultimo uomo sulla Terra. Questa lista esaminerà quella psiche, poiché scorre 10 delle citazioni più inquietanti di Johan.



10Quanto è debole la mente quando vuole dimenticare. Forse non l'hai dimenticato. Forse stai solo mentendo. È una bugia che dici a tutti quelli che ti circondano o forse una bugia che dici a te stesso?

Per quanto Johan sia nichilista, c'è una parte di lui, vale a dire la sua infanzia, che ha gareggiato per un senso di autenticità o, almeno, per sfuggire a un mondo che cercava costantemente di sperimentare o costringere lui e sua sorella , Anna.

Una tale lotta per identificare tra ciò che è reale e falso si manifesta nella sua età adulta come una lotta per identificare ciò che è il vero sé morale, se questo è un vero prodotto del sé o un sottoprodotto dei preconcetti della società. Ciò è particolarmente preoccupante durante i periodi di grande stress, quando la mente cercherà di riscrivere i ricordi e persino i propri ricordi interi per una visione del mondo più semplice.

9Non c'è niente di speciale nell'essere nati. Non una cosa. La maggior parte dell'universo è solo morte, niente di più. In questo nostro universo, la nascita di una nuova vita in qualche angolo del nostro pianeta non è altro che un minuscolo, insignificante lampo. La morte è una cosa normale. Allora perché vivere?

Johan fa un passo molto indietro qui, mentre osserva il significato della vita umana dalla più lontana distanza possibile. Impersonale e distante come un sovrano privilegiato è su una società impoverita, Johan è qualcuno che distoglie lo sguardo dai valori più intimi, personali ed emotivi della vita.



Guardando indietro nel campo di applicazione, qual è il valore di ogni vita all'interno della distesa apparentemente infinita dell'universo, un'oscurità infinita piena di cose molto più grandi di un essere umano.

RELAZIONATO: I 10 migliori anime horror

8Ho visto l'inferno proprio lì nei suoi occhi. Inferno, agli occhi di un essere umano vivente.

Tuttavia, ogni volta che Johan ha la possibilità di guardare negli occhi della società, le sue vittime, i generalmente diseredati, sfortunati e sfortunati, può solo vedere e provare paura e miseria.



Tutti i pensieri di Johan sulla forma umana sono di debolezza e vulnerabilità spinti in un mondo indifferente e sempre doloroso. Vale a dire, agli occhi dell'umanità che percepisce, l'idea e il vivere dell'Inferno è qualcosa manifestato da una realtà crudele, cioè l'esistenza stessa.

7Per te, tutte le vite sono uguali. Ecco perché sono tornato in vita. Ma finalmente te ne sei reso conto ora, vero? Una sola cosa è uguale per tutti, ed è la morte.

Il personaggio del Dr. Tenma nel suo insieme è davvero un uomo della sua professione, che cerca di salvare vite e non fare del male. Tuttavia, quando la vita stessa che salva cerca direttamente di causare danni, sorge la domanda se quella vita meritasse davvero di vivere o meno.

Johan, in questo caso, sta spingendo proprio quella crisi in faccia a Tenma, poiché postula quale sia la vera uguaglianza per l'umanità, dato che il suo essere rappresenta il potenziale della vita diventando anche il potenziale fine della vita. Se Johan ha davvero bisogno di morire, allora l'uguaglianza non dipende da quel potenziale ma dall'inevitabilità della morte.

cigar city cubano espresso

6Nascere non è poi così raro... Quasi tutto in questo mondo è destinato a morire. In questo mondo, una vita nata non è altro che un puntino insignificante, e non dovrebbe nemmeno essere considerata un'esistenza. La morte è naturale.

Partendo dallo stesso motivo di prima, Johan sta riflettendo su quanto sia speciale la creazione della vita.

Tanto miracoloso come la gente vorrebbe che fosse, il fatto che accada così frequentemente come accade, con conseguente popolazione che lo fa, annacqua davvero la santità della vita, soprattutto in confronto a come quei grandi numeri si confrontano ancora con un'esistenza più ampia e significativa.

5Il grande segreto per infrangere le regole è far sembrare che le stai seguendo.

In quale altro modo si può dimostrare che esiste una società rotta se non semplicemente correre attraverso le crepe lui stesso? Una delle parti migliori del personaggio di Johan è il fatto che non ha quelle caratteristiche immediatamente identificabili di malvagità che si trovano nei film Disney o nei libri per bambini.

In realtà, i veri cattivi della vita sono quelli che camminano fianco a fianco in mezzo alla folla, non più sospettosi del Joe medio. È quando un cattivo abbraccia quell'essere che ha la massima libertà di infrangere le regole a suo piacimento.

CORRELATO: I 25 cattivi più potenti degli anime, classificati ufficialmente

4Pensi che il tuo peccato scomparirà se menti?

Johan è più sadico e doloroso quando affronta i torti e i demoni interiori degli altri. Il mondo di Mostro è un'ambiguità etica e morale, dove nessuna persona è esente dal dolore o dal peccato. Tuttavia, esiste questa tendenza sociale e sistemica nella società a vestire i propri errori e le proprie disgrazie come fossero qualcos'altro.

Ciò si ricollega alla lotta di Johan con l'identità e la realtà quando è stato sfollato in un mondo che cerca di rimodellare le persone per fini crudeli. Essendo nato e cercando di sfuggire alla menzogna, Johan diventa successivamente un esperto in loro.

3Dimmi, qual è secondo te la paura ultima? Pensavo davvero di aver già raggiunto il più buio delle tenebre, ma poi, davanti a me, vidi un'oscurità ancora più grande.

Il mondo è pieno di dolore e oscurità apparentemente senza fine. Johan è il sottoprodotto di vari abusi sistemici, che si tratti di sperimentazione, abuso emotivo della famiglia o persino di una cospirazione nazista nascosta.

In un mondo in cui tutto può davvero peggiorare, Johan diventa l'esploratore degli abissi che attraversa le profondità più remote. Con qualcuno così distante da una visione della vita umana, Johan sta cercando di valutare qui il valore dei valori umani e cosa potrebbero significare alcune paure per quelle più grandi.

DueL'odio si crea quando le persone si riuniscono. Ci ho solo versato sopra un po' d'olio.

Per riferimento, Johan sta parlando di come ha iniziato una rivolta infantile nel suo vecchio orfanotrofio/campo di sperimentazione fascista, Kinderheim 511. L'odio può nascere solo come risultato dell'esistenza di altre persone e della tensione e del pregiudizio che portano.

anime come un pezzo e naruto

Da lì, tutto ciò che serve è una piccola motivazione, una spinta per far sì che quelle stesse persone agiscano sulla loro repulsione interiore. Anche con i bambini, questa norma sociale antitetica è incredibilmente volatile, dimostrando che nessuno è libero da quel pregiudizio e che nessuno è al sicuro dall'odio.

CORRELATO: I 10 cattivi più OP nella storia degli anime (e 10 che sono inutili)

1La fine? Qual è la fine... ho visto la fine molte volte. Qual è la fine?

L'intero essere di Johan in tutta la serie, che si tratti di far litigare i bambini tra loro o di intrappolare un gruppo di persone in un incendio in una biblioteca, è quello di un esploratore o di un filosofo che cerca di ridurre il mistero della vita fino all'essenziale, cercando di identificare cosa la forma base e lo scopo dell'essere è.

Per Johan, un'infanzia distruttiva e deformata lo porta ad avventurarsi lungo un percorso di tortura e morte, cercando di identificare quale sia il peggio che l'umanità può sopportare fino a quando non si uccide o, almeno, lui. Per qualcuno che ha affrontato 'la fine' diverse volte, quale possa essere il male o la distruzione finale è davvero un mistero per lui.

SUCCESSIVO: 10 anime romantiche degli anni '90 di cui nessuno parla



Scelta Del Redattore


RECENSIONE: AI: The Somnium Files è uno stupido gioco di detective che vale la pena investigare

Videogiochi


RECENSIONE: AI: The Somnium Files è uno stupido gioco di detective che vale la pena investigare

AI: The Somnium Files è un goffo gioco investigativo delle marche di Zero Escape. Ha anche molto cuore.

Per Saperne Di Più
MCU: quanto tempo ci vuole per guardare tutti i film della saga di Infinity?

Film


MCU: quanto tempo ci vuole per guardare tutti i film della saga di Infinity?

L'Infinity Saga dell'MCU ha attraversato oltre 10 anni, 23 film e un paio di cortometraggi... quanto tempo ci vorrà per guardarlo tutto?

Per Saperne Di Più