RECENSIONE: 'X-Men: Apocalypse' potrebbe farti sussurrare, 'No More Mutants'

C'erano molte ragioni per anticipare la grandezza dalla continuazione del Film sugli X-MenMen franchising. La proprietà ha un esercito di personaggi sensazionali nei suoi eroi e cattivi. di volpe l'accorta angolazione del prequel ha permesso a un'intera lista di stelle più giovani e più calde (come Jennifer Lawrence, James McAvoy, Michael Fassbender e Sophie Turner) di unirsi alla mischia, mantenendo icone di genere come Patrick Stewart e Ian McKellen nel miscuglio. Meglio ancora, dopo anni di assenza, il regista di 'X-Men' e 'X2' Bryan Singer tornato al timone in seguito 'X-Men: prima classe.' E con i film di supereroi che continuano ad avere successo (soprattutto per Fox, che ha ripulito con 'Piscina morta' ), penseresti che un buon budget per gli effetti visivi sarebbe concesso per l'ultima puntata della serie. E ancora, 'X-Men: Apocalisse' è un affare senza vita, che dilapida il suo potere di star, svendendo i suoi personaggi e confondendo la sua azione in grigi e spaccati.

Ambientato nel 1983, dieci anni dopo gli eventi di 'X-Men: Giorni di un futuro passato' -- 'X-Men: Apocalypse' trova Charles 'Professor X' Xavier ( James McAvoy ) supervisionando felicemente la sua scuola per i dotati, dove Hank 'Beast' McCoy ( Nicholas Hoult ) insegna e Jean Gray ( Sophie Turner ) e Scott 'Cyclops' Summers ( Tye Sheridan ) siamo studenti. Nascondendosi in una forma umana, Raven/Mystique ( Jennifer Lawrence ) sta continuando il suo attivismo, liberando mutanti come il trasportatore Kurt 'Nightcrawler' Wagner ( Kodi Smit-McPhee ) dalla loro prigionia. Quanto a Erik 'Magneto' Lehnsherr ( Michael Fassbender ), si è nascosto. Ma una volta che le autorità lo scoprono, Magneto di nuovo va al suo lato oscuro, giusto in tempo per unirsi ai Quattro Cavalieri dell'Apocalisse super-mutante che scuote il mondo ( Oscar Isacco ). È una battaglia per l'anima di Magneto e il mondo stesso, ancora .



Una delle mie vere frustrazioni su 'X-Men: Days of Future Past' è stata quanto contasse sul fatto che avessi visto i film precedenti per dare un senso alla sua storia, prima che la sua conclusione sul viaggio nel tempo cacciasse quei film precedenti fuori dal canone. L'espulsione di 'X-Men,' 'X2' e 'X-Men: The Last Stand' diventa più chiara in 'X-Men: Apocalypse' come personaggi che sono stati presentati l'un l'altro in quei film (come Nightcrawler e gli X-Men ) ora si incontrano qui per la prima volta. In questo e in molti altri modi, 'X-Men: Apocalypse' sembra un pigro riavvio, mettendo da parte le prime tre voci del franchise e riesaminando gli archi, le impostazioni e le trame dei personaggi, nel bene e nel male. Ma soprattutto peggio.

Ancora una volta, Charles sta pregando il suo amico pieno di dolore Erik di non sfogare la sua rabbia sugli umani, ma di incanalarla nell'aiuto ai mutanti. Gli stessi argomenti che abbiamo sentito in sei film ora vengono ripetuti in modo così eclatante che Erik ha in realtà un montaggio flashback dei precedenti discorsi di incoraggiamento di Charles! Anche questo sequel ci riporta ad Auschwitz, dove è stato mostrato Erik perdere i suoi genitori a causa dei nazisti due volte prima . Ma questa volta, sceneggiatore Simon Kinberg si piega anche nel tropo delle 'donne nei frigoriferi'.

Ancora una volta Raven è combattuta tra la sua lealtà a Charles e la sua lealtà a Eric. Ancora una volta il colonnello Stryker (Josh Helman) è coinvolto in una minaccia minacciosa. E ancora una volta mercurio ( Evan Peters ) si presenta per una scena di salvataggio da brivido, scandita da una canzone pop adatta all'epoca (questa volta è 'Sweet Dreams' degli Eurthymics). Ora, quest'ultima parte è terribilmente divertente, portando un po' di brio tanto necessario in questi truci procedimenti di ricostruzione. Ma è comunque una ripetizione completa dell'arco di Quicksilver in 'Days of Future Past'. Sono passati 10 anni e l'affabile maniaco della velocità è bloccato in un loop: vive ancora a casa nel seminterrato di sua madre, si interroga ancora su suo padre MIA, ancora il coraggioso comico che scappa con il film.



La novità del franchise di X-Men è l'aspirante dio Apocalisse , e che spreco di Oscar Isaac è. L'affascinante protagonista che ha entusiasmato il pubblico l'anno scorso con 'Ex Machina' e 'Star Wars: Il risveglio della forza' è sepolto sotto un bizzarro trucco protesico e costumi goffi che fanno sembrare il signore mutante un rifiuto della rock band KISS. Questo non è l'unico osso che devo scegliere con i costumi del film, perché l'equipaggiamento da guerriero rivelatore di Psylocke è oltre il ridicolo. Lo so, lo so, ecco come apparivano nei fumetti . Avviso di opinione impopolare: non mi interessa.

Queste scelte devono avere un senso nel mondo che i film stanno costruendo. Sono disposto ad accettare che uno dei poteri strani e casuali di Apocalypse è la capacità di trasformare la sabbia in armature multicolori in modo che possa fare rifacimenti mutanti. (Sì, in realtà c'è una scena che lo mostra.) Tuttavia, è un ponte troppo lontano per immaginare che abbia deciso che un costume adatto per uno dei suoi seguaci guerrieri sarebbe un body Capezio con calze autoreggenti e una finestra sul seno, e che ha fatto un costume così poco pratico senza sabbia .

Apocalypse come cattivo è vago e quindi deludente. Ma più frustrante è il modo in cui la sceneggiatura di Kinberg impiega così tanto tempo a concentrarsi su trame rimaneggiate che i nuovi hanno poco tempo per svilupparsi. Il groviglio di Erik con Mystica e Charles ruba così tanta attenzione che i suoi compagni Cavalieri non ottengono praticamente alcun tempo sullo schermo. angelo ( Ben Hardy ) e Psylocke ( Olivia Munn ) vengono presentati e poi parlano a malapena, senza darci alcun indizio sulle loro personalità, origini o motivazioni.



D'altra parte, Tempesta ( Alexandra Shipp ) ha un inizio promettente, presentato come un topo di strada in stile 'Aladino' che usa i suoi poteri meteorologici per rubare per il bene dei suoi compagni orfani egiziani. Ma non appena chiede quale sia l'accordo di Apocalypse è che le è stato fatto il lavaggio del cervello e l'audio è stato muto fino agli ultimi momenti del film. Per la maggior parte del film, i Quattro Cavalieri non combattono nemmeno! Stanno semplicemente intorno ad Apocalypse, posando come se fossero in un servizio fotografico mentre lui blatera e continua a parlare di potere e genocidio.

C'è molta meno azione in questo film d'azione di quanto ti aspetteresti. La sequenza di Quicksilver è un punto culminante. Ma oltre a questo, c'è molto di più parlare di guerra rispetto alla guerra vera e propria. E con così poco sviluppo del personaggio nei cattivi e una tale ambiguità su ciò che stanno effettivamente affrontando in Apocalypse, la resa dei conti finale è un pasticcio di posta in gioco bassa e configurazioni confuse. Più scioccante – e per evitare spoiler sarò vago – anche quello di Wolverine ( Hugh Jackman ) la grande scena di combattimento è una delusione, con la maggior parte di essa che accade fuori campo !

Spulciando tra i pezzi di 'X-Men: Apocalypse', sembra poco reingegnerizzato. Persone come Nightcrawler, Jean Grey e Storm, giusto? Riportiamoli indietro ma più giovani. Jennifer Lawrence ha tonnellate di fan, quindi riportiamo Mystique ma lasciamo perdere il trucco blu e preferiamo i top scollati per la maggior parte del suo tempo sullo schermo. Metti Wolverine, al diavolo la sensibilità della trama. Agitare con la crisi globale. Aggiungi ancora un po' di Charles v. Erik biz e una molla di Quicksilver per guarnire! Gli ingredienti per grandi emozioni ci sono, ma nelle mani di Singer e Kinberg diventano una ricetta per il disastro.

Comunque, non è tutto male. Anche se non hanno praticamente nulla da fare, è divertente vedere i giovani Storm, Jubilee (Lana Condor) e Nightcrawler. E il reboot di Jean e Scott arriva con alcuni grandi doni. Nella prima trilogia, Ciclope sembrava un due-scarpe presuntuoso, ma Sheridan porta un'angoscia a Scott che lo rende un po' più complesso di quanto avessimo visto in precedenza. Eppure Turner diventa il vero eroe del film, presentando la giovane Jean come resiliente, intelligente e coraggiosa, ma profondamente spaventata dal potere interiore. Il suo viaggio è essenzialmente 'Frozen's', da 'nascondere, non sentire' a 'lasciarlo andare'. E a parte il fatto di creare un momento davvero culminante, è un arco del personaggio molto più progressivo e soddisfacente rispetto al retroscena di 'Last Stand' in cui il professore ha violato il suo cervello per controllarla.

In definitiva, 'X-Men: Apocalypse' è un'enorme delusione, essendo noioso e ripetitivo dove dovrebbe essere elettrizzante e fantasioso. Tuttavia, mette in gioco alcuni pali e alcuni nuovi eroi che potrebbero riportarmi indietro di più. Questo è se la ricetta è giusta.

“X-Men: Apocalypse” esce nelle sale il 27 maggio.



Scelta Del Redattore


Justice League: Batman v. Superman di New Frontier era MOLTO meglio del DCEU

I Fumetti


Justice League: Batman v. Superman di New Frontier era MOLTO meglio del DCEU

La battaglia tra Superman e Batman nella Nuova Frontiera è stata molto più avvincente di Batman v Superman: Dawn of Justice di Zack Synder.

Per Saperne Di Più
Pacific Rim: The Black - Trailer, trama, data di uscita e notizie da sapere

Notizie Sugli Anime


Pacific Rim: The Black - Trailer, trama, data di uscita e notizie da sapere

Ecco tutto ciò che devi sapere sulla prossima serie di anime Pacific Rim: The Black, basata sul film di successo di Guillermo Del Toro.

Per Saperne Di Più