Vincent D'Onofrio rivela la sua più grande sfida come Kingpin di Daredevil

In una svolta interessante, l'ultimo panel del 2017 Emerald City Comicon è finito per essere il primo panel di convention di fumetti mai vissuto dal suo ospite in primo piano, Vincent D'Onofrio.

Nell'ultima ora della convention di domenica, l'attore è salito energicamente sul palco della sala principale per discutere della sua lunga carriera e parlare del suo recente ruolo di Kingpin nella serie Marvel/Netflix Daredevil. L'attrice Clare Kramer (Buffy l'ammazzavampiri) ha moderato il panel e ha continuato a far girare le cose.



cuscinetto del pneumatico grasso

Per cominciare, Kramer ha chiesto all'attore cosa ne pensasse della sua prima esperienza in una convention. D'Onofrio ha risposto: Quando lavori sai che alle persone piace quello che fai, ma pensi a loro come a una massa di persone. Quando sei qui, puoi vedere le singole persone e ascoltare le loro storie e il modo in cui sono interessati a ciò che fai, e lo personalizza per te e ti fa sentire meglio riguardo al lavoro che stai facendo. Lo apprezzo molto.

Il moderatore ha seguito questo chiedendogli della complessità di interpretare un personaggio come Kingpin. Ha spiegato, Wilson Fisk è solo una palla di emozione - può essere un bambino a volte... ma può anche essere un mostro.

Uno dei ruoli più noti di D'Onofrio è Robert Goren in Law & Order: Criminal Intent, che ha interpretato per quasi dieci anni. Per questo motivo, Kramer ha chiesto se ci fosse qualche esitazione a tornare in TV per Daredevil. L'attore ha risposto che ci sono ancora molti grandi spettacoli e ruoli in televisione; tuttavia, ritiene che la TV in streaming sia un animale leggermente diverso.



Quando fai uno spettacolo in streaming, è come fare un film gigante. È girato in un modo molto cinematografico. E con aziende come Netflix e Marvel, si prendono davvero cura. Non ci sono slouches in quegli spettacoli. Tutti sono davvero di prim'ordine e sanno cosa stanno facendo.

L'attore ha anche espresso grandi parole di elogio per l'attore Charlie Cox e lo scrittore Steven S. DeKnight. Ha indicato che i loro sforzi hanno davvero aiutato a elevare lo spettacolo e renderlo qualcosa di speciale.

Kramer ha quindi spostato la discussione su una prima parte del curriculum di D'Onofrio - Full Metal Jacket di Stanley Kubrick, dove l'attore ha ottenuto il suo primo ruolo da protagonista come il soldato Leonard 'Gomer Pyle' Lawrence. Ha spiegato che stava lavorando come buttafuori in un club quando gli è stato offerto il lavoro. A quel tempo, era amico del collega attore Matthew Modine (anche nel film), che suggerì a D'Onofrio di inviare un monologo su videocassetta a Kubrick. Lo ha fatto, e il regista poi lo ha chiamato dopo aver esaminato il pacchetto.



Sfortunatamente, D'Onofrio riattaccò immediatamente a Kubrick, pensando che un amico gli stesse giocando uno scherzo. Quando il regista ha richiamato, tuttavia, l'attore ha ascoltato con impazienza. Kubrick gli ha inviato diverse pagine di sceneggiatura da eseguire in video, cosa che ha fatto e rispedita indietro. Ciò è accaduto due volte e alla fine l'attore è stato assunto sulla base di questi video senza nemmeno incontrare il regista.

Come parte del ruolo di Full Metal Jacket, D'Onofrio ha dovuto aumentare di peso. A causa di questo cambiamento nell'aspetto, non ha voluto recitare in seguito fino a quando non ha perso quei chili. E il ruolo che alla fine ha assunto non avrebbe potuto essere più diverso da quello del soldato Pyle. È stato anche, in un certo senso, il suo primo incontro con l'interpretazione di un personaggio Marvel: D'Onofrio è stato scelto per il ruolo di Thor nella commedia Adventures in Babysitting.

Un altro ruolo per cui l'attore è ampiamente conosciuto è quello di Edgar, l'antagonista del film Men in Black. Questo ruolo gli è stato offerto dal regista Barry Sonnenfeld, senza nemmeno fare un'audizione. D'Onofrio era un grande fan del film di Sonnenfeld Get Shorty, quindi era entusiasta dell'offerta, ma c'è stato un intoppo. Come gli ha spiegato quando ha ricevuto la chiamata, a Barry non piace parlare di recitazione, e ha paura che inizierai a parlare di recitazione e lui non vuole farlo. Vuole solo sapere se vuoi farlo.

L'attore ha accettato di guardare la sceneggiatura ed è stato naturalmente sorpreso da ciò che ha trovato. L'ho letto e penso: 'Vuole che interpreti un insetto gigante che viene dallo spazio, ruba il corpo di qualcuno e va in giro per tutto il film in quel modo, e non mi è permesso parlargliene? '

Ovviamente D'Onofrio ha deciso di farlo. Guardava i documentari sui bug come ricerca, ma li trovava estremamente noiosi. Alla fine, ha trovato la sua strada per il ruolo utilizzando la frustrazione del suo personaggio per inquadrare la performance. Per quanto riguarda gli altri elementi degni di nota di Edgar, l'attore ha inventato la sua passeggiata usando del nastro adesivo e delle ginocchiere, e ha modellato la voce del personaggio su due individui notevoli: l'uso di vocali lunghe da parte del regista John Huston e lo staccato dell'attore George C. Scott. ritmo del parlare.

Più di recente, D'Onofrio è stato visto nei cinema in I magnifici sette di Antoine Fuqua nei panni di Jack Horne e in televisione in Emerald City (una nuova versione del Mago di Oz) nei panni del Mago. Era soddisfatto del modo in cui entrambi i ruoli si sono rivelati ed era particolarmente orgoglioso del nuovo ritratto che hanno creato per il Mago.

Abbiamo usato il sipario come metafora della sua psicologia. È questa persona nella vita che soffre di inutilità e sente di dover rimediare... È uno degli esseri umani più patetici che abbia mai interpretato in vita mia. Ha anche apprezzato l'esperienza in quanto lo ha riunito con il suo regista di The Cell, Tarsem Singh. In effetti, attribuisce a Singh il motivo principale per cui voleva realizzare il progetto. Ciò ha portato a una discussione sulle diverse esperienze che D'Onofrio ha avuto durante la sua carriera cinematografica.

Quando gli è stato chiesto del suo ruolo mentalmente più impegnativo, l'attore ha detto che era il serial killer che ha interpretato in The Cell per Tarsem. Fino ad oggi, questa è una delle parti più oscure che abbia mai suonato. Ho ancora gli incubi su alcune delle cose che ho ricercato per quel film.

Per quanto riguarda il suo ruolo più impegnativo dal punto di vista fisico, è tornato a quello che interpretava in Full Metal Jacket. Quando è stato scelto, sapeva che doveva aumentare di peso, quindi ha messo su 30 chili prima di volare in Inghilterra per le riprese. Dopo averlo visto di persona per la prima volta, Kubrick pensò che fosse solo un bell'aspetto, non sovrappeso. Alla fine, D'Onofrio ha guadagnato 80 sterline per il ruolo. Questo peso lo ha anche portato a gonfiarsi il ginocchio e ha dovuto subire un intervento chirurgico mentre stavano ancora sparando. In breve, ha detto, sono passato dall'essere un attore affamato a una bestia.

emblema del fuoco tre case fiore cremisi

Infine, l'abilità più dura che D'Onofrio ha dovuto acquisire per un ruolo ci riporta al presente. Per interpretare Kingpin, doveva imparare a parlare il mandarino. L'attore nato a Brooklyn ha detto che è stata una grande sfida che ha richiesto un po' di tempo, soprattutto perché ha dovuto combattere contro le abitudini di discorso di Nooh Yawk.



Scelta Del Redattore


Proposte Marvel Comics per maggio 2018

I Fumetti


Proposte Marvel Comics per maggio 2018

Amazing Spider-Man #800, X-Men Wedding Special, Black Panther, Infinity Countdown, Avengers e molto altro Marvel Comics Solicitations per maggio 2018.

Per Saperne Di Più
Tokyo Ghoul: i membri più forti dell'albero di Aogiri, classificati in base alla forza

Elenchi


Tokyo Ghoul: i membri più forti dell'albero di Aogiri, classificati in base alla forza

L'albero di Aogiri è stato fondato sugli ideali della supremazia dei Ghoul. Ecco i suoi 10 membri più forti, classificati in base alle capacità e alla forza

Per Saperne Di Più